Portafortuna, i più particolari dal mondo

di Valentina Cervelli Commenta

Quando si parla di portafortuna, tale funzione viene data spesso dalle persone ad oggetti ai quali sono affezionate e che ritengono siano legati ad esperienze positive. Vediamo insieme quelli più particolari provenienti da tutto il mondo.portafortuna più particolari mondo

1. Ghiande

Le ghiande sono considerate dei validi portafortuna in particolare dai paesi del nord. Soprattutto per la tradizione vichinga, esse sono considerate in grado di proteggere l’uomo dall’ira di Thor e quindi dai fulmini nel corso di un temporale. Anche se scientificamente parlando le querce rientrano tra gli alberi più colpiti dalle saette.

2. Dente di alligatore

Il dente di alligatore, spesso considerato come un semplice vezzo estetico, negli Stati Uniti è considerato un valido amuleto in grado di aiutare le persone a vincere al gioco.

3. Bambù dell’amicizia

Questo tipo di portafortuna è particolarmente diffuso in Australia ed è legato ai sentimenti: se lo si regala ad una persona alla quale si vuole bene, essa sarà baciata dalla buona sorte.  E’ per questo motivo che viene di solito scambiato tra amici: è un modo per dimostrare quando si tenga al proprio rapporto affettivo ed alla felicità reciproca.

4. Triangoli

In ogni forma e materiale, la simbologia del triangolo come portafortuna ha origini davvero molto antiche. Fin dall’antico Egitto per la precisione dove le piramidi rappresentano il cerchio della vita grazie: i suoi lati sono infatti simbolo di nascita, crescita e morte riproposti in circolo continuo.

5. Kachina

Esse sono delle bambole che per tradizione vengono considerate spirito delle cose reali. Vengono regalate ai bambini in simbolo di buon auspicio e per consentire loro di giocare con oggetti benefici.

Photo Credit | Wikipedia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>